Nella previdenza 140 Miliardi di franchi

Le istituzioni di previdenza hanno una funzione sempre più importante nel sistema pensionistico: lo dimostra il primo rapporto dell'Associazione di previdenza Svizzera (APS). Creata due anni fa, APS rappresenta gli interessi delle fondazioni di libero passaggio e del terzo pilastro 3a (caratterizzato da vantaggi fiscali). Per la prima volta ha realizzato uno studio sui 140 miliardi di franchi capitale degli istituti di previdenza . "In un contesto di debolezza dei tassi di interesse, soltanto il 13% degli averi sono investiti in azioni", indica l'associazione. Inoltre, "è interessante notare che i versamenti anticipati non hanno un impatto reale, in quanto concernono meno del 2% dei conti in gestione". Nel dettaglio, la quota di azioni rappresenta il 12,95% per le fondazioni di libero passaggio, contro il 21,35% per le istituzioni legate al terzo pilastro 3a. I versamenti anticipati rappresentano l'1,95% (11,723 miliardi di franchi) per le prime e l'1,7% (27,557 miliardi) per le seconde. La Svizzera vanta attualmente uno dei migliori sistemi previdenziali al mondo. Il principio dei tre pilastri offre una base solida e stabile per affrontare le sfide poste dall'invecchiamento demografico e dal calo dei rendimenti. In questo contesto gli interessi relativi all'AVS sono rappresentati dal mondo politico, mentre le casse pensioni passano attraverso l'ASIP, ossia l'Associazione svizzera delle istituzioni di previdenza . E' invece necessario - secondo APS - garantire "maggiore visibilità e trasparenza nel settore delle fondazioni di libero passaggio e del terzo pilastro 3a, il cui capitale ammonta ormai a oltre 140 miliardi". Secondo il presidente di APS Nils Aggett, sarebbe essenziale accordare ad esse "un posto al tavolo dei grandi", nell'ambito dei dibattiti politici che concernono la previdenza vecchiaia 2020. "Desideriamo apportare il nostro contributo a un dialogo diversificato, in particolare sulla tematica dei versamenti anticipati e delle disposizioni legali del terzo pilastro 3a", dichiara ancora Aggett. In sostanza APS, che conta 36 fondazioni, essenzialmente banche e assicurazioni , vuole essere maggiormente considerata e partecipare alle decisioni che contano.

Fonte: Corriere del Ticino