Sussidi di cassa malati: non tutti gli aventi diritto li ricevono

Decine di migliaia di persone in Svizzera non ricevono i sussidi sui premi dell’ assicurazione malattia di base, sebbene ne avrebbero diritto: un’indagine pubblicata oggi dal portale di notizie Watson mostra per esempio che nel canton Argovia i beneficiari nel 2017 erano 103’000, a fronte di un bacino di aventi diritto di 136’000.

Dati analoghi vengono presentati anche in altri Cantoni. Quindi nessuno è in grado di dire quante persone in Svizzera avrebbero diritto a un aiuto: si conosce solo il numero di chi lo ha ottenuto, pari a 2,2 milioni (107’000 in Ticino), fra cui 790’000 a beneficio di prestazioni complementari o di assistenza.

Il problema è noto. «Purtroppo non tutti coloro che hanno diritto a una riduzione del premio la ricevono: i motivi sono da ricercare in un senso di vergogna o nell’ignoranza», ha spiegato a Watson Sandra Rauch, portavoce di Caritas Zurigo. 

Introdotto nel 1994 per sgravare i ceti più poveri, il sistema a quanto sembra non funziona. «La riduzione dei premi serve sempre meno al suo scopo, che dovrebbe essere quello di alleviare il peso dei premi sulle famiglie appena al di sopra della soglia di povertà», afferma Martin Jucker di Caritas Svizzera.

A suo avviso è inoltre grave il fatto che il volume di sussidi sia calato: nel 2017 è diminuito rispetto a quello di sei anni prima. «Questa evoluzione è in contraddizione con quella dei premi delle casse malati », sottolinea Jucker. Questo perché i cantoni non adattano l’entità degli aiuti alla crescita delle fatture dell’ assicurazione .


Fonte: Corriere del Ticino